lunedì 8 giugno 2015

Relazioni Pubbliche Digitali: no hard selling, sì creazione di opinioni. Per influenzare il business. Director's Cut.


Seconda citazione (vediamo se il format continua a piacere) del mio manuale di Relazioni Pubbliche Digitali.

Pensiero distillato dal libro - food for thought, la sintesi di come la vedo.
Prendo un pezzo de libro e lo approfondisco un po', in fondo lo scrivo come avrei voluto farlo sul libro, non avessi avuto limiti di spazio (e meno male che li ho avuti)
Magari serve.


Le PR Digitali lavorano per creare opinione


Dobbiamo riflettere sul fatto che le PR Digitali non sono uno strumento (salvo eccezioni) per fare hard selling, quanto uno strumento per creare opinioni: un’opinione che poi dovrà però influenzare positivamente le vendite (o, comunque, il raggiungimento dei nostri obiettivi)

Le PR servono a costruire relazioni, a fidelizzare persone, a diffondere il nostro punto di vista. 

Per vendere tanto e in fretta, meglio gli sconti, i 3x2, gli omaggi, i concorsi, le esposizioni preferenziali sul Punto Vendita.

Poi, chiaro, con questi strumenti qui vendo subito. Ma abbasso la marginalità e svilisco il brand.
Quante marche, un tempo nobili, oggi compriamo solo quando sono in promozione, in taglio prezzo? Sono marche di cui non ci frega niente.

Il che non è una bella cosa per la redditività del business...