lunedì 22 febbraio 2016

Qui i giornalisti si offenderebbero? da Durex un gift unconventional


Brevissimo post, che si commenta da solo.

Durex, per San Valentino, ha pensato bene di omaggiare i giornalisti, con un bouquet del tutto particolare: invece dei fiori, del lubrificante.

Ah, stiamo parlando della Gran Bretagna.
Qui in Italia... non so. Di sicuro qualcuno avrebbe gridato all'Epic Fail.
E avrebbe visto la cosa come insulto... chessò, legando il prodotto alla attuale condizione professionale della categoria... robe così.

Io non so se avrei proprio gradito :-) Però è una trovata interessante... anche se fa sempre riflettere che non sempre essere creativi è esente da rischi :-)


venerdì 19 febbraio 2016

Strategia Digitale: qui è dove ci intervistano :-)

Strategia Digitale Manuale, come si fa?
Con una certa soddisfazione, vediamo che Strategia Digitale, in nostro libro (di Giuliana e mio) continua non solo a vendere bene (per quello che può fare un manuale di marketing...) ma anche a attirare attenzione.

Così è stato per Guida Digitale, che ha voluto farci una video intervista (via Skype e con alcuni oceani di mezzo... ah, le meraviglie della scienza e della tecnica).

Insomma, qui c'è l'intervista che racconta un po' come la vediamo sulla Strategia Digitale e sul nostro libro.
Non so bene se interessa, ma già che ci siamo la posto :-)




E se non sapete bene cosa sia il nostro manuale di Strategia Digitale, sotto vi piazzo il messaggio publiredazionale :-)


------ *MESSAGGIO PROMOZIONALE / COME APPROFONDIRE *-------


Come accennato in apertura, questo post è un approfondimento al nostro manuale "Strategia Digitale". Il manuale per comunicare in modo efficace su internet e social media.

Per chi non lo conosce, qualche rapida informazione. 

Intanto dalla sua uscita è più o meno costantemente tra i libri della categoria "business" più venduti su Amazon, su carta e in formato Kindle. 

Anzi, per un paio di giorni siamo stati il libro in assoluto più venduto su Kindle in Italia (ok, l'editore aveva fatto un taglio prezzo molto notevole :-).

Ma ecco una breve descrizione di cos'è:

Abbiamo voluto fare un libro diverso: in mezzo a tanti libri che "spaccano paradigmi", che fanno della gran teoria del futuro, che dicono alle aziende dove sbagliano ma non danno ricette per fare giusto, abbiamo voluto fare un manuale.

Abbiamo cercato di dire quali sono gli step necessari, giorno, dopo giorno, per fare comunicazione sul campo. Mettendoci quella dose di teoria utile e necessaria per capire perché le cose vanno fatte in quel modo.

Il libro è pensato per:

a) chi lavora in azienda e vuole capire come si fa e perché con l'agenzia non riesce a capirsi :-)

b) chi lavora in azienda e ha un capo con cui non riesce a capirsi o per chi lavora in agenzia e ha bisogno di far capire al cliente "come funziona", visto che non è pubblicità :-)

c) chi lavora comunque nel digitale e vuole andare oltre alla mera operatività - capendo come si ragiona in modo strategico (in funzione degli obiettivi) per fare progetti migliori.

d) chi vuole iniziare a lavorare nel mondo digitale e vuole affiancare all'indispensabile pratica anche una capacità di pensiero strategico

Dentro ci sono parecchi decenni (combinati) di esperienza di Giuliana e mia. Raccontando ciò che abbiamo visto funzionare sul campo - dato che il digitale l'abbiamo visto nascere e crescere.

Come dice Giuliana nel suo blog:"Mettere ordine nel senso che, se per i singoli pezzi di digitale come il SEO/SEM, le Digital PR, il Social, sono stati scritti fiumi di parole, la parte che viene prima di tutto questo, la strategia digitale, appunto, non è mai stata considerata. O meglio, ciascuno si è costruito il suo modo di procedere, la sua metodologia, sulla base dell’esperienza e dell’esigenza del momento, ma tutto ciò non è mai stato codificato. Ci abbiamo provato noi."

Ecco i link da dove potete capire qualcos'altro sul libro e comprarlo online (in versione cartacea o ebook).



mercoledì 3 febbraio 2016

Stunt musicale di Subaru: togli il pedale dell'acceleratore e...


Altro esempio di stunt, questa volta automobilistico e musicale.
Ingredienti principali: una Subaru WRX, un driver e un chitarrista emergente - Harts.

Il senso del mix: la Subaru è una macchina potente e rombante. Il giovine Harts è un chitarrista aggressivo e ruggente. Veloce e Hendrixiano. Ci stanno, insieme.




L'operazione: sradicare il pedale dell'acceleratore dall'auto.
Sostituirlo con un pedale wah wah (un effetto per chitarra, anche lui molto hendrixiano).
Aggiungere un amplificatore per chitarra e collegare il tutto.

In sostanza: il driver guida schiacciando il pedale wah, che funge anche da acceleratore. Però per dare l'effetto sonoro deve "telegrafare" con l'acceleratore. Sul sedile dietro il chitarrista spara note a manetta e il suo sound dipende anche da quanto e come schiaccia il driver. 

Insomma, suonano insieme e se guardate il video facciamo prima.



Introducing the new 2016 Subaru WRX 'W-WAH-X' Premium. Legendary Performance. Classic Sound. See what happens when we replace a WRX accelerator pedal with a legendary “Wah” guitar effects pedal, then invite gun-guitarist Harts to play fast and loud. #WWAHX 

Nota (solo) per i musicofili: il pedale, per la cronaca è un Dunlop Cry Baby.

Molto interessante notare che l'emergente (e bravo) musicista suona una Squier  - che sarebbe un po' la seconda linea economica di Fender, fatta in Cina.
In realtà chitarre che vanno benissimo e alcune costano di più di certe Fender. E poi gira sempre il mito che ogni tanto gliene esce qualcuna, di Squier, che suona meglio di Fender made in USA che costano 3-4 volte tanto...

Al di là degli ovvi accordi di sponsorizzazione del musicista da parte della casa produttrice, si deriva dal video che è meglio uno che c'ha il manico e che suona una chitarra snobbata dagli "headstock snob" che uno negato (come me) che suona una Fender Custom Shop (che proprio per quello non mi comprerò mai).